Articoli

Endocardite - profilassi

PROFILASSI PER L'ENDOCARDITE INFETTIVA (JAMA, 1997 ; 227: 1794-1801)

CHI NON DEVE FARE PROFILASSI

Operati di By-pass, di chiusura di DIA, DIV, dotto arterioso (senza shunt residuo a 6 mesi)

Prolasso mitralico senza rigurgito

Soffi innocenti

Pace-Maker di qualsiasi tipo

Febbre reumatica o malattia di Kawasaki senza disfunzione valvolare residua.

 

CHI DEVE FARE PROFILASSI

SOGGETTI A RISCHIO ELEVATO

Valvole protesiche di qualsiasi tipo

Pregressa endocardite batterica

Cardiopatie congenite cianogene complesse (Fallot, TGV, VU)

Shunt sistemico-polmonari da atto chirurgico

SOGGETTI A RISCHIO MODERATO

Cardiopatie congenite non cianogene (tranne DIA ostium II): PDA, DIA, DIV, CoA, BICUSPIDIA AORTICA

Malattie valvolari acquisite post reumatiche o degenerative

Cardiomiopatia ipertrofica

Prolasso mitralico con rigurgito da insufficienza valvolare e/o con lembi ispessiti-mixomatosi

 

QUANDO VA FATTA PROFILASSI

Terapie Odontoiatriche, Estrazioni dentarie, Interventi periodontali, Impianti o reimpianti, procedure canalari o chirurgiche se oltre l'apice del dente, inserimenti sotto gengivali, posizionamento di bande ortodontiche,

Pulizia dentale profilattica.

VIE RESPIRATORIE

Tonsillectomia, adenoidectomia, chirurgia su mucosa respiratoria, broncoscopia.

TRATTO GENITOURINARIO

Cistoscopia, dilatazione uretrale, cateterismo uretrale se infezione delle vie urinarie in atto.

TRATTO GASTROENTERICO (PZ. AD ALTO RISCHIO)

Scleroterapia di varici esofagee, dilatazione esofagea, colangiografia retrograda per via endoscopica e ostruzione biliare, chirurgia biliare, chirurgia su mucosa intestinale.